Mazzo Amarho: fare i calcoli senza l’oste.

Sogni di gloria infranti a mazzo di Rho.
Il DairagoC5 perde malamente sul campo del Mazzo 1980.
Errore di valutazione del Tecnico Raimondo: i ragazzi non vengono spronati con la giusta carica nello spogliatoio e, dopo soli 16 minuti, i ragazzi dairaghesi sono sotto di 4 goal. Quattro contropiedi mettono in ginocchia la squadra ospite. Il parziale si conclude sul 4-1, goal della bandiera del solito Parrella.

15 minuti d’intervallo durante il quale il mister sprona i suoi ragazzi, chiedendo determinazione e voglia di vincere.
Il secondo tempo, si consuma velocemente; pressione in campo, grazie alla pessima direzione arbitrale. Momenti di scintelle,falli gratuiti da entrambe le parti… un cartellino rosso sventolato per proteste (ma siamo al 26esimo). La partita è irrecuperabile. Un gol nostro e due loro. Finale 6-4.

Ottima prestazione dei due portieri. Anzani, del Mazzo, difende superbamente la propria porta, parando l’impossibile: almeno 20 tiri del dairago respinti.
I soliti legni colpiti: tre pali e due traverse…

Nel dairago si salvano Degiovanni e Dell’Aera: il primo, in perfetta forma fisica, non delude le aspettative siglando il terzo gol; il secondo subisce sei reti su sei errori grossolani della difesa e salva a sua volta sei volte la porta.

6+6 = 12 …Il solito maledetto numero dodici della cabala, nonchè il numero civico del campo del DairagoC5. Destino? Maledizione?

Parlano gli occhi increduli del mister: in allenamento grandi numeri, grande lavoro e squadra impeccabile; in campo il vuoto…

Si potrebbe parlare per ore, commentando tutti gli errori di questa partita, ma non c’è: nè tempo e nè voglia.

Il DairagoC5, ha fatto i conti senza l’oste.
La strada prima di stasera era in salita, ora sembra invalicabile.

Lunedì seduta di allenamento dalle 21. Mercoledì gara in casa contro l’Aurora. Per alcuni atleti: un derby.
Il campionato non è ancora finito.
Vogliamo vedere la matricola DairagoC5 nelle posizioni alte della classifica.

Forza Ragazzi.