Categoria: n_image_rotator

Riscatto Dairago: Dairago C5 – Vedanese 5-3

A.S.D. Dairago c5 – Vedanese c5  5 : 3

MARCATORI DAIRAGO
SORRENTINO
SORRENTINO
BERETTA
CORCIULO
CORCIULO
La decima giornata della serie C2 girone A di Calcio a 5 lombardo, presso la Palestra Polivalente L.Da Vinci, vede i Leoni di Catellanza ,feriti nella trasferta di Dervio, contro una Vedanese che conferma il suo buon momento dopo la vittoria per 4:2 in casa contro la Derviese nell’andata dei quarti di finale della Coppa Lombardia di categoria.

Il Dairago, non può contare su Engheben, leggero risentimento muscolare, su Pitronaci e Cherobin per squalifica, ma presenta i suoi nuovi acquisti Alfonso SORRENTINO ex Cardano 91, Giovanni DIANA ex Accademy Legnano. Spadaccino schiera inizialmente Colombo tra i pali, Manduca centrale Resta e Sorrentino laterali e Beretta terminale offensivo.

Dopo il fischio d’inizio, è il Dairago ad essere subito pericoloso: Beretta salta sulla banda il suo avversario e lascia partire un tiro che si stampa sulla traversa interna ricadendo sulla linea prima di essere allontanata. La Vedanese reagisce e sfruttando al meglio la velocità dei suoi giovani, crea pericoloso ribaltamenti di fronte, dove Colombo fa di tutto per non capitolare. Al settimo minuto nulla può, su una deviazione involontaria di Resta, che in ripiegamento offensivo devia un cross alle spalle del proprio portiere, 0:1 Vedanese.

Sembra un film già visto: se non fosse che i Leoni cominciano a macinare gioco; suppur lasciando spazi pericolosi agli ospiti, al dicioettesimo, sull’ennesima azione di Beretta sulla banda sinistra, Sorrentino, sul secondo palo si fà trovare puntuale per il pari e la sua prima marcatura con il Dairago. 1-1

Il pari dura poco, perchè la Vedanese al ventesimo si riporta davanti con un tiro, da pochi metri dalla linea della porta, dopo la respinta di Colombo. 1-2

Al venticinquesimo, arriva l’acuto di Beretta, che approfitta di una mischia in aria ed è piu lesto di tutti ed insacca, 2:2.

Il primo tempo volge al termine; Mr Spadaccino butta nella mischia Corciulo che si fà trovare pronto alla chiamata del mister ed appena entrato, sfruttando una voragine centrale creatasi, supportato dal blocco Resta ,lascia partire un tiro che porta in vantaggio il Dairago sullo scadere. 3-2

Tutti nello spogliatoio.

La ripresa vede la Vedanese all’arrembaggio, ma ancora Corciulo, confermato da Mr Spadaccino nel quintetto iniziale, al terzo minuto va via sulla destra e lascia partire un destro terrificate che si insacca sul secondo palo con il portiere avversario immobile a guardare. 4-2

La partita sembra in discesa per i padroni di casa, ma il direttore di gara fischiando a caso, per entrambe le compagini, penalizza il Dairago decretando l’uscita di Colombo violenta e regala il calcio di rigore agli ospiti.

Colombo neutralizza. 

Dieci minuti al cardiopalmo, con continue azioni per entrambe le squadre: al ventiduesimo, l’azione dairaghese, che vede gli interpreti Manduca (nel recupero palla e lo scarico per….) – Beretta (che con un colpo da biliado lancia… ) – Resta (palla forte sul secondo palo per….) Sorrentino per il tapin vincente e doppietta personale all’esordio con la maglia del Dairago Cx5. 5-2

Al venticinquesimo, Colombo neuralizza il primo tiro libero.

Al ventottesimo: 7 fallo dairaghese e tiro libero per la squadra ospite. La vedanese accorcia le distanzxa e fissa il parziale per 5-3.

Il fischio finale decreta la vittoria per 5:3 per il Dairago.

Ho rivisto i fantasmi passati, troppe volte quest’anno abbiamo fatto bene raccogliendo poco, ma oggi devo dire che si sta cominciando a vedere la squadra che avevo in testa quest’estate, cuore grinta personalità e qualità, oggi davanti a noi abbiamo avuto una Vedanese, a cui posso solo fare i complimenti e questa vittoria è arrivata contro una squadra forte che darà fastidio a molti; oggi posso solo complimentarmi con tutti i miei ragazzi per lo spirito di gruppo per la voglia di sacrificio e per come hanno interpretato le indicazioni di mister Spadaccino, voglio anche sottolineare gli arrivi di SORRENTINO e DIANA, il primo ha inciso di più, ma anche Diana quando è stato chiamato in causa ha fatto ciò che andava fatto e le sue qualità sicuramente usciranno fuori.”

queste le dicharazioni a caldo del DS MESSA Danilo dopo la gara.

 

 

Comunicato Ufficiale – Giovanni Diana e Alfonso Sorrentino al Dairago C5

Il Dairago C5 comunica di aver ottenuto a titolo definitivo dal Cardano (serie C1) il diritto alle prestazioni sportive del laterale Alfonso Sorrentino e dall’Academy Legnano (serie C2) il diritto alle prestazioni sportive dell’attaccante Giovanni Diana.

La nuova alba – non può piovere per sempre –

Assenti Calarasu per squalifica, Resta per lavoro. Infortunati ma comunque presenti Cuturello e Cherobin 

Dopo una vittoria casalinga ed una sconfitta esterna, arrivano questi preziosissimi 3 punti, che danno nuovamente morale al roster dairaghese. Primo parziale incerto e per alcuni tratti sofferto, nel quale ciascuna delle due formazioni sembrava in grado di pungere all’improvviso. Alla fine l’hanno spuntata i ragazzi di mister Spadaccino, con grinta, concentrazione, ma soprattutto con la capacità di incassare i colpi e ripartire con il giusto atteggiamento. Un’impresa che sicuramente gioverà al morale, oltre che alla classifica e che proietta la squadra dairaghese verso un futuro pieno di soddisfazioni.

Ore 21.26, quattro minuti in anticipo rispetto alla designazione, Matteo Barletta della sezione di Gallarate avvia le danze in quel di castellanza. Per i padroni di casa il primo quintetto vede Colombo tra i pali, Manduca, Engheben, Beretta e Pitronaci; quest’ultimo in veste di capitano.

Palla al centro per la Master Team ma la prima marcatura arriva in meno di un minuto: in fase in di costruzione del gioco, Beretta su invito di Manduca verticalizza per Pitronaci che spalle alla porta prepara il rimorchio: Beretta esce vincitore in una serie di rimpalli ed a tu per tu con il portiere avversario non perdona: 1-0.
I tre minuti successivi mostrano un tour de force dairaghese, ma la Master team agguanta il pareggio con una devizione vincente in area di Re. 1-1 Al settimo minuto effettivo la Master team passa anche in vantaggio ghiacciando i bollenti spiriti dei dairaghesi. 1-2.
Al diciassettesimo Beretta colpisce la traversa e dopo meno di un minuto, lo stesso giocatore raccoglie palla al centro campo dopo un ottimo recupero di Cherobin e dal limite dell’area fa partire una puntazza che vale il pareggio 2-2.
Minuto ventinove, punizione per la squadra di casa: Beretta apre a destra per Pitronaci che spalle alla porta ed in posizione defilata, scarica a casa per Engheben: punta-scarico-rimorchio-Gol 3-2; da segnalare lo scampolo di gara in occasione del gol di Ponzini che, oltre ad essere fondamentale sul gol del vantaggio, dimostra di avere un gran voglia di far bene; un trottolino che corre per tutto il campo senza risparmiarsi, come una di macchinina con la carica a molla che una volta che le lasci schizzano via all’impazzata: 5 minuti di fuoco.

Al rientro dagli spogliatoi, confermato il quintetto iniziale per il Dairago.
La prima fiammata è della Master Team che punisce Colombo e pareggia i giochi: 3-3; all’ottavo minuto, invece, allungo di Beretta sulla sinistra e palla alle spalle del portiere avversario 4-3.
Nono Minuto: Beretta recupera a supporto di Pitronaci che scarica banda a banda a Corciulo: tiro forte in mezzo e sul secondo palo non perdona Pitronaci: 5-3
Da segnalare le due splendide marcature di Engheben al sedicesiomo e ventiseiesimo che fissano il risultato per 7-3.

Dopo più di un mese di assenza per motivi lavorativi, trova la convocazione anche il giovane Marco Attilio Federico che, nel corso della gara sembrava seduto sul trono come in uno studio televisivo; gambe accavallate come la Parietti dei tempi che furono ma non appena il mister lo butta nella mischia, Lui ripaga la sua fiducia e dalla sinistra mette al centro un palla con su scritto “spingimi in rete” che il compagno scaraventa sopra la traversa.

” Questa sera PRESTAZIONE, due triplette e tre punti. Il 3 è il numero perfetto. Dovevamo vincere per prendere confidenza con i nostri mezzi: è una stagione travagliata… prima l’esonero di Belli, i malumori dello spogliatoio causa schieramenti INUTILI, la squalifica di Calarasu, l’allontanamento di Vanacore… sono tutte battaglie che inficiano ovviamente sullo spogliatoio, ma la risposta è stata positiva. Ora pensiamo alla difficile e distante trasferta di Dervio ” – RAIMONDO

SCORE

Dettagli

Data Competizione Stagione
22 Nov 2018 serie c2 m 18-19 2018/2019

A.S.D Dairago 2011 C5

# Giocatore Posizione Goals Assists Ammonizioni Espulsioni
Colombo LucaPortiere-3000
Manduca SalvatoreUltimo0000
Beretta DavideUniversale3000
Ponzini EmanueleLaterale0000
Demolli MichelePortiere0000
Pitronaci SalvatorePivot1000
Corciulo FabrizioLaterale0000
Cuturello SimoneLaterale0000
Cherobin LucaUniversale0000
Engheben DavideLaterale3000
 Totale 4000

Master Team

Posizione Goals Assists Ammonizioni Espulsioni
 0000
GALLERY
VIDEO
HIGHLIGHTS

UFFICIALE: Nuove sponsorizzazioni e lotto sponsor per il Dairago C5

Continua l’espansione sul di territorio di Castellanza del Dairago C5 ed anche sul fronte degli sponsor si annunciano nuovi  accordi molto importanti.

ll Dairago C5, rappresentato dal presidente Raimondo Gianmario, ringrazia a nome della società tutti gli attori che hanno reso possibili queste collaborazioni.
La redazione dairaghese.

Vittoria e qualificazione all’olmi ma il Dairago C5 cede con l’onore delle armi

Nel match clou di Coppa della Divisione è testa a testa tra il Dairago C5 e l’Olmi. Passaggio dairaghese compromesso nel turno di andata; i ragazzi di Mr Spadaccino devono necessariamente ribaltare lo svantaggio di 3 reti, ma, seppur è difficile da ammettere, la SFIGA ha fatto da capolino.“.

CASTELLANZA – Un Dairago C5 che ci crede, che lotta e che macina gioco. Un Dairago C5 che vede infrangere il sogno del passaggio del turno, seppur l’impresa era decisamente ardua, contro i legni della porta avversaria; la squadra Ospite cinica e spietata, gioca in contropiede e punisce la squadra di casa spesso sbilanciata ed impreparata.
Nei primi dieci minuti di gara sono i padroni di casa a costruire mentre gli ospiti a punire: la prima marcatura è la conclusione perfetta di un 3c1 con palla sotto le gambe di Colombo. Oltre i legni, il direttore di gara, sancisce lo 0-2 (nel complesso buona la direzione con un metro di giudizio ampio ma unidirezionale); Beretta, spalle alla porta, nell’inconsueto ruolo di Pivot, in attesa del rientro di Manuzzato, prepara la sovrappposizione orizzontale Engheben, ma arpionato alle spalle sbatte le chiappe sul terreno di gioco; gli avversari segnano con convalida e simulazione per il capitano dairaghese.
Da recuperare sono 5 gol…

Caparbi Corciulo, Pitronaci e Vanacore nel riportare sullo zero a zero la gara, al termine del primo parizale e, ahimè, sprecone in due occasioni il numero 10 dairaghese: Vanacore per ben due volte ha la possibilità di ribaltare il risultato ma la posta è alta, la mira poca e la sfortuna ci vede benissimo: i dairaghesi non completano il primo step dell’impresa verso i quarti di finale.

Fotocopia del primo, il secondo parziale. Partono forte i padroni di casa seppur gli ospiti infilano Colombo per la quarta volta in contropiede; per il dairago rispondono Pitronaci, Beretta, Calarasu e Cherobin in meno di 5 minuti, ma la porta è stregata… 4 tiri, 3 pali… Saltano gli schemi, saltano gli spazi, Mr Spadaccino butta nel mucchio i giovani con l’obiettivo di dargli il ritmo partita, nel mentre gli ospiti affondano per altre due volte fino a punire, con il sette a tre definitivo, i padroni di casa dai 10 metri: corretta la valutazione arbitrale: Manduca stende con placaggio in stile rugby il laterale destro dei Milanesi, non ci sono dubbi è penalty.

Finale 7-3. Tanta amarezza tra le file dairaghesi, seppur il passaggio è stato palesemente compromesso nel turno di andata. Complimenti ai ragazzi dell’Olmi per lo spirito combattivo ed un caloroso in bocca al lupo per il proseguo nella manifestazione.

In casa Dairago, non c’è tempo per meditare: riflettori puntati sul campionato. Dopo due sconfitte consecutive i dairaghesi cercano il riscatto ospitando la fastidiosa (in senso sportivo e di futsal giocato, quindi un complimento) Master Team.

La redazione dairaghese

DIRETTA

GALLERIA FOTOGRAFICA

I Leoni feriti tornano da Gemonio con una sconfitta

GEMONIO – La batosta subita dal Dairago C5 in campionato va metabolizzata subito per rituffarsi in coppa di disciplina, lunedì, nel turno di ritorno. Sulla carta match complicatissimo, ma mister Spadaccino con ogni probabilità confermerà in blocco la formazione proposta ieri a Gemonio.
La gara di lunedì potrebbe essere l’ultimo atto nella competizione e gli atleti coinvolti dovranno necessariamente fare gli straordinari per essere tenuti costantemente in considerazione in una sfida a ranghi misti a tutto campo.

Da uno sguardo veloce alla classifica temporanea ed in attesa dei verdetti di questa sera, la posizione in classifica per i dairaghesi potrebbe subire un ulteriore variazione, seppur i nostri ragazzi, hanno già scontato il turno di riposo e pertanto si affacciano alla bagarre per le prime posizioni con una gara in meno. L’andamento della prima parte della stagione sarà valutabile, solo al giro di BOA, istante in cui, anche i tatticismi di Mr Spadaccino saranno assoldati dal roster.

La sconfitta di ieri non deve essere vissuta con frustrazione: il Varese C5, squadra ospitante ha deliziato i propri sostenitori con un approccio tattico di base che gli hanno permesso di sfruttare al meglio le qualità di Luminoso, Santa Caterina e Nassi oltre che a mettere in luce le spiccate doti del proprio numero 12 tra i pali. Per quanto riguarda i dairaghesi, prestazione sopra le righe di Colombo Luca che ha sempre tenuto botta alle azioni offensive del Varese. E’ mancata la risposta in continuità dei giocatori di movimento, che spesso si sono trovati in difficoltà nella fase difensiva a fronte di contropiedi avversari innescati da passaggi superficiali della prima linea o azioni in solitudine.

Non c’è spazio per parlare di futuro, bisogna affrontare ogni gara come se fosse l’ultimo atto della stagione

“la sconfitta di ieri è arrivata contro una buona squadra; dobbiamo avere fiducia nei nostri mezzi per riprendere la marcia; non esistono vittorie senza aver provato la sconfitta e non esistono le imprese se non si conosce il sacrificio”

queste le parole di incoraggiamente del DG Messa, questa mattina alla squadra.

Cronaca della gara

Il Dairago parte forte e già al primo passa in vantaggio con Beretta che sfrutta un assist di Vanacore di tacco trafiggendo il portiere locale con un tiro secco sotto l’incrocio.
Il Varese non sembra subire il colpo a freddo e comincia a macinare gioco, sfruttando le folate di Nassi, che diventa una spada nel fianco dei ragazzi di Spadaccino. Colombo si mette in mostra parlando di tutto ma nulla può al 13esimo minuto, su una botta terrificante proprio di Nassi. Il Dairago si difende partendo in contropiede ma prima la traversa di Engheben e poi, il palo di Resta negano il vantaggio.
Sull’ennesima manovra del Varese la palla sembra stregata; dopo una mischia Pitronaci rovina a terra toccando la palla con il braccio, rigore e Santa Caterina non perdona.

La prima frazione si chiude sul 2:1 per i padroni di casa.

La ripresa vede un Dairago a testa bassa, ma il Varese risulta essere più lucido e cinico; dopo 10 minuti è sopra 4:1.
Al 14esimo è Pitronaci ad accorciare, ma dopo un minuto, un disimpegno errato innesca la ripartenza dei padroni di casa e Nassi non perdona.
Saltano gli schemi, al 20esimo minuto, per il Dairago, Calarasu accorcia.
La tensione sale, l’arbitro perde il controllo della gara e Calarasu si fa cacciare al 21′.
In inferiorità numerica il Varese non ne approfitta rischiando di subire il gol: niente da fare.
Al 28esimo Resta spinge dentro la palla del 5:4.

Siamo gli istanti finali; ormai è tardi e il triplice fischio sansisce la seconda sconfitta in campionato per i Dairaghesi.

La Redazione Dairaghese.

 

Coppa Lombardia – Terminano l’avventura 4 squadre del girone A; per il Dairago C5 turno da dimenticare e missione di riscatto

Squadre Ottavi Coppa Lombardia

Castellanza – Terminano l’avventura di coppa Lombardia, per il girone A, le seguenti squadre: Futsal Tubo Rosso, l’Accademy Legnano, Arona C5 e Master Team, compagne di avventura nel campionato di serie C2 dei nostri ragazzi. Per quanto riguarda il Dairago, saremo impegnati, consacrando il calendario degli ottavi di coppa, lunedì 19 novembre alle 21.30 presso la palestra polivalente L. da Vinci di Castellanza. Vi aspettiamo numerosi!
La presidenza richiede una missione di riscatto per la compagine Spadaccino, dopo l’imbarazzante sconfitta nel turno di andata, a Bareggio, in cui, i padroni di casa (Arci Olmi F.C.T) si sono imposti per 5 reti a 2.
Netto il risultato che non lascia vie di fuga seppur nelle prime battute di gara i dairaghesi hanno sfoggiato un buon futsal.
Ora il riscatto, passa tra le mura amiche di Castellanza.

Risultati turno andata

Risultati turno ritorno

 

 

Dairago vittoria netta contro il Castionetto: 8-1 per la squadra di Spadaccino

Dopo la sconfitta di coppa di disciplina, contro l’Olmi, il roster di Castellanza, vince e batte 8-1 il Castionetto davanti a 30 sostenitori presenti alla Palestra Polivalente L. Da Vinci. 

A quattro punti dalle vetta, la capolista Academy.

Ad una sola lunghezza la Selecao di bomber Pierro.

I ragazzi di Mister Spadaccino restano nella mischia nell’attesa che si completi il quadro della sesta giornata: questa sera si disputeranno le seguenti partite, che movimenteranno la classifica: Futsal Tubo Rosso – Arona C5; Futsal Varese – Master Team; Carioca – Derviese; Elle Esse – Vedanese. 

Primo parziale a senso unico; dopo 4 minuti effettivi di gara, il Dairago C5 conduce per quattro reti a zero; marcatori: Beretta, Beretta, Vanacore, Resta. Al termine dei primi trenta minuti a segno anche: Pitronaci e Ponzini. Nel primo tempo, il Castionetto si vede solo in alcune ripartenze, ed al decimo minuto impensirisce Colombo con un doppio palo sulla riga di porta.

Nella ripresa ci si aspetta la reazione rabbiosa del Castionetto, poco di tutto questo mentre la squadra di Spadaccino colleziona occasioni con Pitronaci, Vanacore ed Engheben. Prudente, nelle battute iniziali, al rientro dagli spogliatoi, il Dairago C5, con la squadra ospite che da l’impressione di voler spingere sull’acceleratore per poi chiudersi sofferente dell’aggressività del roster di casa. Le due marcature del Dairago sono a carico di Pitronaci e Vanacore.

Assist Man Beretta.

Molto buona la prestazione dei giovani Ponzini, Cuturello (finalmente disponibile dopo un lungo periodo di infortuni) e Cherubin.

A.S.D Dairago 2011 C5

# Giocatore Posizione Goals Assists Ammonizioni Espulsioni
Colombo LucaPortiere-1000
Calarasu Alexandru DanielLaterale0000
Manduca SalvatoreUltimo0000
Beretta DavideUniversale2400
Ponzini EmanueleLaterale1000
Demolli MichelePortiere0000
Pitronaci SalvatorePivot2000
Cuturello SimoneLaterale0000
Cherobin LucaUniversale0000
Engheben DavideLaterale0010
Vanacore FabrizioUniversale2000
Resta OrazioLaterale1000
 Totale 7410

Castionetto

Posizione Goals Assists Ammonizioni Espulsioni
 0000

Galleria Fotografica

 

 

Amarezza nella gara di andata degli Ottavi di Coppa di Disciplina

Martedì sera si è disputata l’andata degli ottavi di coppa Lombardia tra ARCI OLMI e ASD DAIRAGO C5, che ha visto i padroni di casa imporsi per 5 a 2.

nella foto-Manuzzato Demolli

La gara sembra subito in discesa per i ragazzi di Mister Spadaccino, i primi 5 minuti sono di completo dominio, gli Olmi fanno fatica a ragionare e al 3′ minuto è Resta a segnare, dopo un azione a tre con l’ex Calarasu Beretta e appunto Resta che segna facile.

Con il passare dei minuti, l’inerzia gara cambia, il Dairago non riesce più a giocare da squadra al contrario l’Olmi si fa coraggio e alza il baricentro, comincia a rendersi pericoloso e al 14′ trova il gol del pari su una disattenzione difensiva che lascia un uomo solo davanti all’incolpevole Colombo che stavolta non riesce a metterci una pezza.

I Dairaghesi, subiscono il colpo e cercano di ritrovare il proprio gioco, ma le troppe azioni solitarie alla fine non portano risultati, il portiere degli Olmi para quello che c è da parare, e gli errori sottoporta, demoralizzano lasciando scoperto il fianco alle azioni dei Milanesi, che ad 1 minuto dal riposo si ritrovano in vantaggio, dopo un tiro sporco in aria deviato involontariamente da Manduca che insacca nella propria porta.

La ripresa, dovrebbe vedere la reazione del Dairago, ma ancora una volta in campo scende l’individualismo e la disattenzione, gli Olmi ne approfitta trovandosi più volte davanti a Colombo lasciato molte volte in balia degli eventi, ed ecco puntuale che arriva il 3 e 4 gol.

Sul 4 – 1 Spadaccino, non soddisfatto sostituisce il quartetto di partenza inserendo i giovani Cherobin-Ponzini-Corciulo che danno una scossa.

Proprio il giovane Cherobin accorcia con un tiro rabbioso da pochi metri.

Il valzer delle sostituzioni continua, un arbitraggio confuso manda in bagarre la gara e sull’ennesima disattenzione in fase difensiva, viene concesso un calcio di rigore poi realizzato.

La partita si chiude con un prepotente 5:2.

“Brutta gara da parte nostra, oggi abbiamo sbagliato tutto, e nonostante tutto abbiamo avuto palle importanti per ammorbidire il risultato, ma niente da fare, il ritorno sarà difficile ma non impossibile  abbiamo le qualità per ribaltare il risultato, ma dobbiamo andare in campo con un’altra mentalità e altro impegno, questa squadra è composta da giocatori di esperienza, oggi questa esperienza non si è vista, si è visto solo confusione e poca voglia di aiutarsi e da questi ragazzi mi aspetto decisamente di più “

Questa la dura dichiarazione del Ds Danilo Messa nel dopo gara

SAVE THE DATE – 1 Edizione Sfida tra Portieri