Categoria: Stagione 2017/2018

Ci siamo quasi…

Questo torneo si avvicina al termine della regular season, e i posti ancora in palio stanno gradualmente diminuendo.

Nella scorsa giornata il Vanzago si è laureato campione del girone e conquista la promozione in C1. A loro va il mio più sincero in bocca al lupo.

L’Athletic Brianteo ha conquistato l’accesso matematico ai playoff, mentre il Dairago deve dare il suo addio per questa stagione. La corsa si riduce così a tre squadre per due posti.

Arona e Tubo Rosso hanno raggiunto la certezza matematica di restare in serie C2, mentre per la corsa salvezza il Varese e il Cometa duellano per evitare i playout, mentre La Fortezza e il Cometa sono in lotta per poterli disputare e non retrocedere automaticamente.

Questi gli incontri che ci aspettano:

Arona – Malgrate:

Partita tra chi è matematicamente salvo e chi, invece, è matematicamente retrocesso. L’Arona avrà tutto l’interesse nel congedarsi al meglio dal proprio campo, per questa stagione.

Varese – Carioca:

Il Carioca si gioca tutto: se non vince saranno playout. Il Varese, invece, se dovesse perdere, vedrà avvicinarsi il pericolo spareggi. Sconsigliata ai deboli di cuore.

Tubo Rosso – Dairago:

Due squadre che non rischiano più nulla. Senza l’ansia del risultato, potrebbe venirne fuori una piacevole partita.

Real AVM CAM – Little Pub:

Al CAM interesserà aggiudicarsi la prima posizione d’onore dopo la capolista, mentre i ragazzi di Mister Gervasio sono a caccia di punti preziosi in chiave playoff.

Vanzago – Athletic Brianteo:

Il Vanzago potrà festeggiare, fra le mura amiche, la vittoria del campionato, mentre il Brianteo sicuro di essere fra le prime quattro, contribuirà a rendere spettacolare la serata.

Academy Legnano – Cometa:

L’Academy ha bisogno dei tre punti, il Cometa pure. Obiettivi diversi, ma entrambe daranno il 100% per ottenere il massimo della posta in palio

Bocconi – La Fortezza:

Esattamente come sopra. Due squadre, due traguardi all’orizzonte, ma i punti in palio sono solo tre. La sfida è aperta.

Quali altri verdetti definitivi ci fornirà questo turno di campionato? La strada verso il gran finale può riservare ancora dei colpi di scena. Non ci resta che accomodarci ed assistere allo show. Buona visione.

Il mister Belli

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

SALITA IMPOSSIBILE

Con le vittorie di Little Pub e Academy Legnano, arrivate giovedì, per il Dairago diventa irraggiungibile la scalata verso i playoff, poiché dieci diventano i punti di distacco e quelli a disposizione sono solo nove.

Con la salvezza matematica raggiunta la giornata precedente, risulta assai difficile tirare fuori il carattere leonesco cui i ragazzi di mister Belli ci hanno spesso abituati.

Per giunta la trasferta non è di quelle che permettono di essere affrontate con leggerezza. Si va infatti a Mariano Comense, sul campo dell’Athletic Brianteo, in piena lotta play-off, determinata come non mai a raccogliere quei tre punti che ne daranno l’accesso matematico.

Come ormai è diventata una triste costante, il Dairago ci arriva con una formazione ampiamente rimaneggiata, con solo sei giocatori di movimento a disposizione del mister, più i due portieri.

La partita ha poca storia e, con tre gol per tempo, il Brianteo la chiude con un secco sei a zero, che non lascia diritto di replica alcuno.

Gli stimoli l’hanno fatta da padrona e, come cartina tornasole, fa riflettere il fatto che i nostri ragazzi, che vantano l’attacco più prolifico del girone, in sessanta minuti, non sono riusciti a creare una chiara e nitida occasione da gol. Merito anche degli avversari, sia chiaro, ma resta comunque un dato che lascia pensare.

I nostri complimenti vanno all’Athletic Brianteo per il meritatissimo raggiungimento dei playoff, cui aggiungiamo un sincero in bocca al lupo.

Però i ragazzi di Dairago dovranno in fretta ritrovare gli stimoli per finire il campionato in maniera decorosa ed onorare fino alla fine il torneo, tornando da subito ad essere quella squadra che non è disposta a farsi mettere i piedi in testa da nessuno.

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

PRIMO VERDETTO MATEMATICO

Alla quartultima giornata, a Dairago arriva il Cometa, in piena lotta retrocessione e, perciò, determinato a fare risultato. Ma un eventuale passo falso Dairaghese farebbe precipitare la squadra del Presidente Raimondo in una posizione scomoda, a ridosso dei playout.

Assenti Costantini e Cianciaruso, non convocato Ventimiglia, il Dairago parte dal primo minuto con Colombo, Lideo, Mura, Ponzini e Beretta.

La partita si mette subito bene, con un uno-due firmato Beretta e Lideo, che portano il parziale sul 2-0.

Tutto pare troppo facile, e la squadra fa l’errore di iniziare a sottovalutare l’impegno.

Arriva così il gol del 2-1 da parte del Cometa, frutto di una dormita generale difensiva.

Prima dell’intervallo, però, è ancora Beretta a siglare il gol del 3-1.

Dopo la pausa la musica cambia poco, coi ragazzi di mister Belli che allungano, ma non riescono a chiudere il discorso.

Prima segna Lideo, e gli avversari accorciano, poi Beretta e ancora Lideo, e il Cometa accorcia nuovamente, poi Beretta, e ancora i ragazzi di Cernobbio accorciano.

Parziale di 7-4 e, coi minuti che passano, il Cometa vede svanire le sue speranze, iniziando così a mollare il colpo.

A questo punto si liberano gli spazi e, sempre Beretta, protagonista di un duello retto molto bene dal portiere avversario, dilaga e, con altri 3 gol, porta a 7 il suo bottino personale.

Risultato finale: 10-4.

Dagli altri campi arriva il risultato che consegna al Dairago la prima certezza matematica: vale a dire quella della permanenza in serie C2, anche per il prossimo anno. Obiettivo minimo stagionale raggiunto. Il passo successivo pare assai lontano, ma la matematica ancora non lo esclude, inoltre questo sport ci insegna che, a volte, i miracoli possono anche succedere.

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

ultimi 4 passi…

Solo quattro giornate al termine e ancora molte posizioni sono da definire. Prova di un girone all’insegna dell’equilibrio.

Il Vanzago, dopo la vittoria nel recupero a Dairago, ha consolidato la sua leadership in classifica, ma dovrà ospitare un Carioca in un ottimo stato di forma, e fortemente deciso ad uscire dalla pericolosa zona play-out.

A seguire, il Real AVM CAM e l’Athletic Brianteo si affronteranno a Barbaiana, in uno scontro diretto che decreterà, in maniera pressoché definitiva, chi potrà ancora impensierire la capolista, con i Brianzoli che, in caso di sconfitta, dovrebbero iniziare a guardarsi le spalle, poiché un terzetto di squadre (Bocconi, Little Pub, e Academy Legnano) stanno viaggiando a ad una folle velocità.

La Bocconi cercherà punti in casa contro il Tubo Rosso che, a sua volta, cercherà di mantenere salda la sua posizione in zona di comfort, cercando anche di tenere vivo quel lumicino di speranza di reinserirsi nella zona play-off, anche se per questo servirebbe una coincidenza di risultati favorevoli, da parte di altre squadre.

Il Little Pub avrà la trasferta in terra Lariana, contro il Malgrate, che solo la matematica non ha ancora condannato alla retrocessione diretta (dovrà vincerle tutte e sperare che La Fortezza le perda tutte, per sperare nei play-out).

L’Academy ospiterà il Varese, ormai fuori dalla zona playoff, ma che dovrà stare attento a non essere risucchiato nella lotta salvezza.

Con una situazione identica a quella del Tubo Rosso, il Dairago cercherà punti sul suo campo, contro il Cometa, che venderà cara la pelle, dato che staziona in una zona molto pericolosa e sarà costretto a recuperare una posizione in classifica, se non vorrà andare diretto in serie D.

Per non essere risucchiata in zona play-out, infine, l’Arona dovrà affrontare una Fortezza che, per motivi diametralmente opposti, ha tutto l’interesse di fare uno sgambetto ai ragazzi di mister Pignata.

Questo è quanto ci offre la quartultima giornata di campionato. Come ormai siamo abituati, le emozioni saranno tante. Buon divertimento a Tutti.

 

Il mister Belli

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

Onore ai 5 Leoni!

  1. Impegno proibitivo, quello di venerdì scorso, per i Ragazzi Dairaghesi. Arriva la capolista Vanzago e, per l’ennesima volta, bisogna fare i conti con le numerose assenze. Oltre allo squalificato Neglia e all’infortunato Costantini, mister Belli deve rinunciare a Tomatis, Cianciaruso e Ventimiglia (quarta assenza consecutiva per il bomber). Presente, ma infortunato, il Capitano Parrella.

Formazione, pertanto, obbligata, con Colombo, Lideo, Mura, Ponzini e Beretta, che non hanno a disposizione nemmeno un cambio per rifiatare. In panchina, oltre al Capitano, c’è il portiere D’Ischia.

I Leoni di Dairago, però, partono col piede giusto e, grazie ad una doppietta di Beretta, si trovano, in pochi minuti, in vantaggio di due gol.

Il Vanzago spinge ed accorcia le distanze, ma è subito Mura a ristabilire le distanze, con un missile terra-aria suggerito da Beretta.

A questo punto i rossoblù iniziano a sentire la fatica e il Vanzago ne approfitta, per dimezzare lo svantaggio prima, e per pareggiare i conti entro la fine del primo tempo: 3-3.

Intervallo utilizzato dai Dairaghesi per recuperare il fiato.

Si rientra in campo e i Vanzaghesi hanno decisamente più fiato e gamba, ma il Dairago riesce a mantenere il risultato per buona parte della frazione.

A metà del secondo tempo, però, il Vanzago trova il vantaggio, con una bella azione, ma un tiro che viene aiutato dalla buona sorte e, dopo aver colpito due legni, finisce in rete.

Questa è la svolta della partita, perché taglia le gambe affaticate dei Ragazzi di mister Belli, che arrancano.

Il Vanzago, così, trova abbastanza facilmente altri due gol, che fissano il risultato sul 3-6.

I cinque Leoni in campo ce l’hanno messa davvero tutta, ma le condizioni per fare risultato erano davvero proibitive. C’è solo da fare i complimenti ai Ragazzi che, fino a che hanno avuto gamba, hanno dimostrato di poter tenere testa alla squadra capolista del torneo. Bravi Tutti!

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

Sosta Pasquale… ma non per tutti!

Tempo di pausa Pasquale, ma non per tutti, dato che ci sono tre match da disputare, per recuperare la giornata sospesa, a causa del maltempo:

  • Dairago – Vanzago
  • Real AVM CAM – Academy
  • Malgrate – Carioca

Le due prime della classe (Vanzago e CAM) hanno la ghiotta occasione di mettere punti, fra loro e l’Athletic Brianteo, fermo ai box. Di fronte, però, avranno avversari tutt’altro che abbordabili (Dairago e Academy), poiché a loro volta, sono a caccia di punti preziosi per mantenere viva la speranza di qualificazione ai play-off. Bocconi e Little Pub sono avanti e le giornate a disposizione diminuiscono, quindi accorciare le distanze appare quasi obbligatorio.

Il Carioca, invece, dopo l’ultima vittoria, cerca il bis in casa del Malgrate, per aprire ed estendere, nelle ultime giornate, una corsa salvezza che, fino a poco fa, sembrava ridotta a sole quattro squadre. Arona e Varese sono avvisate. Mentre il Tubo Rosso, per il momento, osserva con maggiore tranquillità.

Dopo questo recupero, tutti avranno disputato lo stesso numero di partite, tutti avranno a disposizione 12 punti da giocarsi. Scontri diretti ce ne saranno ancora, incroci testa-coda pure, e tutte le squadre avranno ancora aperti i loro obiettivi:

Vanzago e CAM si giocheranno fino all’ultimo il titolo di Campioni, con il Brianteo che non ha ancora perso le speranze di inserirsi nella lotta.

Bocconi e Little Pub dovranno mantenere fino alla fine l’attuale classifica, con l’Academy che li rincorre da vicino.

Il Dairago e il Tubo Rosso non hanno ancora richiuso nel cassetto il sogno play-off.

Arona e Varese, sfumato l’obiettivo principale, ora dovranno guardarsi alle spalle, per non essere risucchiate nella corsa salvezza.

Il Carioca, la Fortezza e il Cometa lottano su due fronti: sia per uscire dalla zona playout, sia per non retrocedere direttamente.

Infine, il Malgrate che, seppur timidamente, ripone ancora qualche piccola speranza di raggiungere la terzultima posizione, e giocarsi la permanenza nella serie attraverso i play-out.

Tutto questo ci aspetterà dopo questi tre recuperi che, sostanzialmente, apporteranno modifiche alle quote per gli scommettitori, ma non decreteranno ancora nulla di definitivo. Il meglio deve ancora venire.

Nel frattempo, auguro a tutti gli appassionati di futsal una serena Pasqua, che possiate festeggiarla nel modo migliore possibile.

 

Il mister Belli

 

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

Stop improvviso…

Brutta battuta d’arresto, quella di ieri sera, contro il Carioca di mister Civati, che assottiglia per il Dairago le speranze di una qualificazione ai playoff.

Mister Belli, per la terza volta consecutiva, deve affrontare il match con una formazione fortemente rimaneggiata. Gli assenti di turno sono D’Ischia, Costantini, Cianciaruso e Ventimiglia.

I rossoblù appaiono subito impacciati, poiché non abituati ad un campo delle dimensioni di quello di Cardano, ma riescono a reggere l’impatto e, dopo qualche pericolo sventato dal sempre ottimo Colombo, verso metà della prima frazione, iniziano a prenderne le misure.

Addirittura, arriva il vantaggio Dairaghese su punizione, calciata direttamente in porta dal cecchino Lideo, sulla quale appare un po’ in ritardo il portiere Mazzetto (che poco prima, però, aveva fatto un bell’intervento su Tomatis).

Il Dairago resiste col minimo vantaggio, fino al termine della prima frazione. Tuttavia un po’ di nervosismo inizia ad affiorare tra i ragazzi, complice una serie di punizioni “generose”, decretate dal direttore di gara, a favore degli avversari, che li porta pure a calciare un tiro libero, che non capitalizzano.

Nell’intervallo pare che i ragazzi di mister Belli abbiano resettato i progressi fatti nel primo tempo, e rientrano in campo con le stesse difficoltà di inizio partita.

I giocatori del Carioca, trascinati da un Leto in grande spolvero, iniziano a spingere con decisione, fino a quando trovano il gol del pareggio.

Il colpo viene accusato e, come si suole dire, si spegne la luce. Il Dairago appare in grande difficoltà e subisce, in rapida sequenza, quell’uno-due che porta il risultato sul 3-1 per i padroni di casa.

La solita reazione, cui i Leoni Dairaghesi ci hanno abituati, questa volta viene a mancare e, riuscendo a costruire ben poco, il risultato rimane invariato fino al triplice fischio dell’arbitro.

Amarezza e delusione per la partita e per un risultato che si mette di traverso, nella strada che porta verso i playoff. Ora l’impresa si presenta piuttosto ardua.

Mister Belli commenta così la partita: “Abbiamo sofferto tantissimo le dimensioni di un campo, che sono diametralmente opposte a quelle cui siamo abituati, ma potevamo fare molto di più. Ho sentito gente dare colpe ai singoli, ma è stata tutta la squadra a non aver girato, e questo è fuor di dubbio. Personalmente non ho visto applicare nulla, sul campo, delle istruzioni che ho impartito ad inizio partita e nei vari intervalli. Evidentemente non sono stato bravo io a trasmettere quello che avevo in mente. Play-off sfumati? Non direi, sicuramente la strada si fa in salita, ma io sono convinto che la quota per qualificarsi sia intorno ai 45 punti, ora ne abbiamo 31, ce ne sono ancora 15 in palio, e questi ragazzi hanno più volte dimostrato quanto siano in grado di stupire. Dobbiamo solo archiviare la sconfitta, resettare l’accaduto, eliminare il nervosismo e ripartire da ciò che di buono avevamo fatto fino ad ora… da subito!

Per concludere, onore agli avversari, che con una grande prestazione hanno meritato la vittoria. Però qualche sbeffeggiamento da parte di taluni ex compagni, durante il saluto finale, sarebbe stato più elegante evitarlo, anche perché, se si è vinta una partita ma si resta comunque 10 punti dietro in classifica, ben poco c’è da sbeffeggiare il rivale.

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

TEMPO DI PRIMI VERDETTI

La giornata appena conclusa ha dato un primo verdetto matematico: il Malgrate, se vorrà salvarsi, potrà farlo solo passando dai play-out.

Per quanto riguarda la corsa ai play-off, invece, nessun verdetto matematico ancora, ma la strada si fa decisamente in salita per Tubo Rosso, Varese ed Arona che, con solo 5 partite da disputare, dovranno riuscire a recuperare 8 punti (10 per l’Arona) a Bocconi e Little Pub e, nella loro scalata, dovranno inoltre superare in classifica Academy e Dairago, che hanno anche una partita in più da giocare.

Per le prime posizioni, infine, rientra di prepotenza l’Athletic Brianteo, che approfitta dei passi falsi di Vanzago e Real AVM CAM, e porta ufficialmente a tre la lotta per il massimo titolo. La situazione si fa assai intrigante.

Ma veniamo ai match che ci aspettano in questo turno…

L’incontro di cartello è sicuramente quello che vedrà di fronte Athletic Brianteo e Bocconi. Una squadra lotta per la vittoria finale e l’altra per conservare la posizione salda in zona play-off. Si prevede spettacolo.

Il Vanzago sarà ospite nella roccaforte del Varese, campo ostico, coi padroni di casa intenzionati a non mollare. Partita da “only the braves”.

Il CAM, invece, andrà a Cernobbio, ad affrontare il Cometa, che è in cerca di punti per mantenere la categoria. Sulla carta l’ago della bilancia dovrebbe pendere verso gli ospiti, ma non mi stupirei di un’eventuale sorpresa.

Altra squadra in lotta salvezza è la Fortezza, che avrà l’arduo compito di cercare punti in casa del Little Pub, tra le favorite per la qualificazione alle final four. “Mission impossible”? Staremo a vedere.

L’Arona cercherà di mantenere acceso il lumicino di speranza, ospitando l’Academy, alla quale potrebbe rosicchiare tre punti preziosi, ma i Legnanesi, dal canto loro, non vogliono allontanarsi dalla quinta posizione. Sarà quasi una partita a scacchi.

Per il Dairago, invece, c’è l’insidiosa trasferta a Cardano, dove troverà il Carioca degli ex Leto e fratelli Mazzetto, che ci ha abituato a risultati molto alterni. Quindi c’è da aspettarsi di tutto.

Infine, il Tubo Rosso cercherà punti tra le mura amiche, contro un Malgrate che, se vorrà evitare la retrocessione diretta, non potrà permettersi di sbagliare la partita.

Cinque giornate al termine, tre delle partite sospese per maltempo ancora da recuperare, e carne sul fuoco ce n’è ancora parecchia.

Personalmente sono felice che, da questa giornata, tornerò a seguire la mia squadra dalla panchina, poiché giovedì sarà finalmente terminato il mio periodo di purgatorio, dovuto a una squalifica che ritengo, a dir poco, assurda. A tutti gli altri auguro buon divertimento, poiché questo campionato, di emozioni, ne sta regalando a ripetizione.

 

Il mister Belli

Ci siamo quasi… 18 aprile 2018 Read more...
SALITA IMPOSSIBILE 16 aprile 2018 Read more...
…meno TRE! 11 aprile 2018 Read more...
PRIMO VERDETTO MATEMATICO 9 aprile 2018 Read more...
ultimi 4 passi… 4 aprile 2018 Read more...

La prealpina, 19 Marzo 2018

SI TORNA MERITATAMENTE ALLA VITTORIA

Dopo due sconfitte e un pareggio, ci si appresta ad affrontare il Futsal Varese, appaiata in classifica con lo stesso punteggio della squadra di mister Belli.

Il Dairago si presenta orfana dello squalificato Mura, dell’infortunato Costantini e di Ventimiglia che, per la seconda volta consecutiva, è costretto a dare forfait.

I Leoni Dairaghesi, con molto carattere, non accusano il colpo e, partendo con Colombo, Lideo, Ponzini, Tomatis e Beretta, in meno di 10 minuti indirizzano la partita per il verso giusto.

È un lancio coast to coast col contagiri di Lideo, finalizzato con una pregevole girata al volo di Beretta, a sbloccare immediatamente la gara.

Pochi minuti dopo è sempre Beretta a deviare sotto porta un tiro di Tomatis: 2-0!

Ancora Beretta raccoglie un passaggio di Ponzini e decide di insaccare dopo aver saltato il portiere.

Subito 3-0 e, a quel punto, il Dairago decide di rallentare. Il Varese ci prova, ma l’attenta difesa rossoblù controlla senza particolari difficoltà, forte anche di avere dietro un Colombo sempre vigile.

È comunque il Dairago ad avere le occasioni più ghiotte per aumentare il vantaggio, ma non le finalizza.

La beffa arriva allo scadere, complice una dormita generale difensiva, che permette a Barile di appoggiare indisturbato in rete una palla arrivata direttamente da gioco fermo.

Si va all’intervallo sul 3-1 che, per quanto visto in campo, risulta essere molto stretto ai Dairaghesi.

Il rientro non è dei migliori per i nostri Ragazzi che, forse, erano rimasti con la testa ancora negli spogliatoi. Mentre il Varese, trascinato da un ottimo Jahori, riprende coraggio da quel gol allo scadere, che aveva riacceso delle inaspettate speranze.

In pochi minuti subiamo quell’uno-due, firmato Jahori e Caracciolo, che porta il parziale sul 3-3.

Ma è proprio lo scossone che serviva a risvegliare la compagine rossoblù, che riprende in mano il pallino del gioco e qui inizia lo spettacolo.

Beretta conquista palla, ne fa sedere uno, ne fa sedere due, fa sedere il portiere, si trova a porta vuota, gli spettatori si alzano in piedi per esultare, ma con un’altra finta fa sedere pure loro, ed infine deposita in rete. Applausi per lui!

Ma non finisce qui, perché è il turno di Colombo che, dopo un’uscita puntuale, vede un corridoio libero e vi si lancia palla al piede, trova collaborazione con Beretta, che gli restituisce un assist al bacio, e capitalizza al meglio. Mitraglia e standing ovation pure per lui!

Gli avversari, a questo punto, frastornati, tentano il tutto per tutto col portiere di movimento, ma è ancora Beretta a rubare palla e, con un difensore che tenta in tutti i modi (più o meno leciti) di fermarlo, va a depositare a porta sguarnita e, firmando la cinquina personale, chiude definitivamente la partita.

In sintesi: 3-0, poi 3-3, ed infine 6-3. Risultato fuori discussione tranne che per un brevissimo periodo del secondo tempo. Corre voce che qualche testata Varesina abbia scritto di una partita dominata da loro, in cui avrebbero costruito di più e, ciononostante, ne sono usciti sconfitti. La cronologia delle reti parla chiaro e presto sarà on-line un video integrale del match, così tutti potranno farsi un’idea di come siano andate realmente le cose.

Aldilà delle chiacchiere da bar, per noi tre punti fondamentali, che ci fanno rialzare la testa e non perdere di vista i nostri obiettivi.

I festeggiamenti vanno oltre la vittoria, poiché c’è da rendere onore anche al nostro Emiliano D’Ischia, fresco Campione D’Italia FSSI. GRANDE EMJ!!!