Grinta, Intelligenza e Orgoglio – Engheben Davide

combattere fino alla fine.

Castellanza – Questa sera, alle 21.30 presso la palestra di Castellanza, il Dairago C5 ospita l’Arona C5. Assente il pilastro Engheben a causa dell’infortunio riscontrato nella gara di settimana scorsa a Vedano Olona. Secondo Davide, questa sera, tra le mure amiche, con Grinta, Intelligenza ed Orgoglio i suoi compagni possono fare bene contro la temibilissima Arona C5 di Mr Pignata, per mantenere viva la speranza dei playoff.

A seguire una breve intervista per conoscere al meglio Davide.

Chi è Davide? Persona ed atleta.

Sono semplicemente un ragazzo che ama il calcio a 5 e cerca sempre di migliorare e aiutare i compagni, prendendo spunto da chi ha più esperienza di me.

Un passato importante all’Elle Esse… poi il Dairago C5 perchè?

Era giunto il momento di cambiare. Durante la vita sportiva arriva il momento in cui hai bisogno di nuove sfide e il Dairago C5 era proprio quella sfida.

Interessante, penso che la dirigenza sia contenta di questo apprezzamento.
Un feedback per favore, sulla società, sul suo operato e come si pone verso i giocatori? L’Elle esse era una società strutturata con un portafoglio a fisarmonica, il Dairago C5 una società a conduzione familiare che ha degli obiettivi. Come potrebbe migliorarsi?

Il Dairago C5 è una società recente fatta di persone giovani che hanno molta voglia di crescere. Non sono la persona giusta per dire come bisogna migliorare ma dalle mie precedenti esperienze posso consigliare di stare sempre vicino alla squadra e cercare di essere sempre presenti, anche nei momenti difficili. Questo i giocatori lo percepiscono e sono spronati a dare il massimo.

Hai avuto Mr Spadaccino all’elle esse e quest’anno è subentrato ad Enrico Belli a stagione avviata. Come hai visto il Mister al Dairago e, se puoi, una battuta sui tuoi compagni attuali. 

Il rapporto con i compagni di squadra è ottimo come anche quello con il mister. Con molti di loro ho giocato diversi anni in altre società vincendo anche uno strepitoso campionato sempre con Mister Spadaccino alla guida.

Dopo la gara interna con la Derviese, la prima del rush finale, come vi siete sentiti, eravate in terza posizione? contento della tua prestazione personale? Dei tuoi compagni? Il risultato è stato giusto?

Siamo in piena corsa play off ed è quello che la società ci ha chiesto. In campo scende una squadra e un gruppo che da inizio stagione si è ben amalgamato, di questo ne sono fiero e orgoglioso di farne parte. Il pareggio con la Derviese è ottimo e giusto a parer mio.

E relativamente all’ultima gara contro la Vedanese?

Abbiamo giocato molto bene contro un’ottima squadra. Un bel clima. Purtroppo ho lasciato il campo troppo in fretta, ma un dolore così non l’ho mai provato. Nulla da recriminare, chi ha segnato ha vinto. 

Passato e presente: quali sono gli episodi che non si dimenticano

Sicuramente le vittorie dei campionati sono impossibili da dimenticare, ci sono però anche episodi brutti che ti fanno crescere come le retrocessioni. Io preferisco ricordare le ore di allenamento e partita passate con delle persone splendide con cui mi sono divertito molto.

Stai già pensando alla prossima stagione? Sicuramente la società Dairago non ti lascerà andare facilmente, quali sono le condizioni per trattenerti e cosa suggerisci al presidente & soci per migliorarvi.

No; non penso mai alla stagione successiva, a maggior ragione se siamo in corsa per un obiettivo importante come quello dei play off. Meglio concentrarsi su questo al momento.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.