L’arbitro ferma la rincorsa del Dairago

LAINATE

Match clou della giornata, quello che vede la prima in classifica REAL AVM CAM ospitare la quarta DAIRAGO, reduce da 3 vittorie consecutive.
Per il Dairago C5 esordio in porta del nuovo acquisto Emiliano D’Ischia, meraciglioso ragazzo affetto di sordomutismo ma con un gran talento fra i pali, che regalerà una prestazione maiuscola.
Mister Belli decide di appiccicare al bomber avversario Mandalà il roccioso Mura, che sforna una prestazione da 10 e lode.

Dal primo minuto: Laterali Beretta e Costantini, pivot Parrella.

La partita appare subito avvincente da ambo le parti, con un Costantini uomo ovunque e i due portieri che fanno capire a tutti quanto sarà difficile superarli.È il CAM a passare in vantaggio con una rapida ripartenza.
I Leoni dairaghesi non si abbattono e, con l’ingresso di Ventimiglia, riescono a ribaltare velocemente, con le reti firmate proprio dal nuovo entrato e da Beretta, con un pregevole tiro al volo.
La partita, con anche un clamoroso legno colpito dai dairaghesi (sul tiro di Beretta l’incrocio vibra ancora adesso in stile diaposon), sembra prendere la piega giusta, ma è qui che entra in scena l’arbitro che, tra rimesse laterali, tuffi e falli non visti, per usare un eufemismo, ha la sfortuna di prendere una serie di decisioni sbagliate tutte a favore di una sola squadra.
Mister Belli chiede al direttore di fare più attenzione alle accentuazioni di caduta avversarie, ma per risposta riceve uno “stia zitto per favore”.
Nel frattempo il CAM pareggia con azione rocambolesca ma ben gestita.
Sul finire del tempo, il direttore di gara si inventa una punizione pericolosa in favore della squadra di casa, e fin qui tutto normale, se non fosse che ne fischia l’esecuzione mentre D’Ischia stava ancora sistemando la barriera (ricordiamo sopra le condizioni uditive del portierone): staffilata di Saffioti e gol che porta all’intervallo sul 3-2.

Nella ripresa i Dairaghesi paiono intenzionati a raddrizzare la partita, ma concedono un buco difensivo agli avversari, che non si fanno pregare a segnare il quarto gol.
Dairago a testa bassa nel tentativo di raddrizzare il match, anche Ponzini sforna una prestazione da leone, ma sempre l’arbitro fa molta fatica a fischiare i falli che subiscono i rossoblu e per il CAM non è difficile fermare le offensive avversarie, sia con le buone (nel quale sono molto bravi) sia con le cattive (poche volte ma sempre impuniti).
Dopo molta insistenza ed un altro legno clamoroso, Beretta trova il gol della speranza con un colpo da biliardo.
Speranza però resa vana sempre dalla stessa persona, che abbocca all’ennesimo tuffo e si inventa una nuova punizione per il CAM.
Un insolitamente esasperato mister Belli si lascia andare in un “ma si è tuffato!” e la seconda volta che l’arbitro gli rivolge la parola nei 60 minuti, lo fa per allontanarlo dal campo.
La punizione viene trasformata in gol dal bombardiere Saffioti e la partita si chiude 5-3.

Grande rabbia per i ragazzi dairaghesi, consapevoli di non meritare quella sconfitta, ma rabbia anche per il mister, che ci ricorda che lui non era mai stato espulso da allenatore, e non aveva mai ricevuto un cartellino, nemmeno giallo, da calciatore. Ci voleva questo arbitro…

Ora testa all’Arona che c’è bisogno di un riscatto immediato.

Risultati

Club1st Half2nd HalfGoalsEsito
Real Avm Cam325Vittoria
A.S.D Dairago 2011 C5213Sconfitta

Dettagli

Data Competizione Stagione
15 febbraio 2018 2017/2018 serie c2 m 2017/2018

Real Avm Cam

Posizione Goals Assists Ammonizioni Espulsioni
 0000

A.S.D Dairago 2011 C5

# Giocatore Posizione Goals Assists Ammonizioni Espulsioni
2Mura DavideUniversale0010
3Tomatis LucaUltimo0000
4Ponzini EmanueleLaterale0000
6Neglia DiegoPivot0000
7Costantini LucaLaterale0000
8Parrella AlessandroUltimo0000
10Beretta DavideLaterale2100
11Ventimiglia EmilianoPivot1100
12D’Ischia EmilianoPortiere0000
15Cianciaruso NicolòLaterale0000
 Totale 3210