Obiettivi raggiunti, appendo le scarpe al chiodo – Intervista a Manduca Salvatore

Incontriamo Manduca Salvatore, artefice con i compagni del terzo posto in classifica ma che, seppur emozionato, sarà assente al primo turno dei playff perchè in vacanza, per Pasqua con la famiglia.

Chi è Salvatore Manduca?

Un padre di famiglia che mastica il futsal da tanti anni. Ho giocato in tante società sportive: GDA Cassano in serie d,poi c2 e poi c1 e fusione con il Cerro Maggiore!! Poi sono approdato al Cardano per seguire il mio amico spada; poi Carioca ed alla New Team; poi al Varese in serie D ed in serie C2 e con i quali ho ottimi rapporti di amicizia. Oggi sono al Dairago C5, domani? Si vedrà….

Nella vita sono un operaio metalmeccanico presso Leonardo Velivoli a Venegono Superiore e sono un delegato sindacale della UILM e ne sono fiero!

Mr Belli prima e Mr Spadaccino dopo: 1 pregio ed 1 difetto per ognuno. Un tuo pensiero sulla scelta della società.

Mister Belli che è una persona affabile (pregio); difetto: la poca conoscenza del calcio a 5!

Mister Spadaccino è un mio amico, però ha un difetto comune a tanti allenatori: insiste sempre sugli stessi e senza farli rifiatare: è fisico che qualsiasi giocatore debba recuperare le forze in una partita di calcio a 5; dalla sua, ed è un grande pregio è che avendo giocato tanto, riesce a leggere le partite e capire come intervenire!

La scelta azzeccata della società è stata di investire su un allenatore competente.

Passato e presente: quali sono gli episodi che non si dimenticano

Gli esempi più vivi sono quando in c1 andammo a vincere in campi difficilissimi come Pavia, Bergamo dove l’obiettivo era marcare boe fortissime per non farli segnare… quante soddisfazioni personali! Seppur di crescita professionale, dimentico volentieri la retrocessione a Cardano con uno squadrone, brutti ricordi ma brutta la gestione dell’andata da parte di Zavarise che reputo un grande allenatore!

C5 o C11?

Calcio a 5 per l’età che ho, anche se sono stato in ottime squadre a 11 preferisco il calcio a 5; serve la testa per quest’ultimo sport!

Riassunto sulla stagione appena trascorsa, sull’obiettivo, sul tuo impiego e pensieri per la prossima stagione.

La suddivido in due parti: la prima disastrosa da parte mia non avendo fatto la preparazione e avendo una certa età; la seconda sicuramente meglio sia fisicamente che mentalmente; probabilmente avrei potuto giocare di più per quanto mi riguarda ma le decisioni le prende il mister ed ovviamente vanno rispettate.

Obbiettivo centrato.Velovo arrivare terzo e così è stato. Avevo detto al mister di non voler fare i plauoff, ma probabilmente visto  gli infortuni, probabilmente posso rivedere questa cosa. Sono le mie ultime partite perché chiuderò sicuramente la carriera: Dairago C5 ottima squadra. Buon gruppo e società sana.