Pallone nel sangue e Talento: Salvatore Pitronaci

Giocare per e con gli altri. Guidare i propri compagni sia dentro che fuori dal campo. Metterci la faccia. Sono queste le caratteristiche principali di un capitano. Questi i valori e gli ideali del giovane capitano del Dairago C5 Salvatore Pitronaci – Pallone nel sangue e Talento – che si racconta in questa intervista per Il Dairago Time.

Chi è Salvatore Pitronaci?

Un ragazzo come altri, che pratica la nostra disciplina grazie alla fiducia di Guido Caracciolo, attuale Mr dell’Atletico Arluco, squadra di calcio a cinque militante nel campionato di serie D.


Puoi farci un riassunto della tua carriera sportiva e raccontarci perchè hai scelto il Dairago C5 nel momento in cui, i veterani, non sono stati confermati? Ci aspettavamo un tuo ingresso negli anni precedenti considerati i rapporti di amicizia con ognuno di loro.

Sono cresciuto nel calcio a a undici, militando anche squadre professioniste. Faccio parte del mondo del calcio a cinque da quattro anni, iniziando la mia avventura in C1 grazie alla tantissima stima e fiducia di Guido Caracciolo, Presidente, nel 2015 del Kickoff Legnano; successivamente, ho fatto un altro anno in serie C1 e due anni in serie C2.

Ho scelto il Dairago C5 perchè ho sposato il progetto, presentatomi dal presidente Raimondo e il DS Messa; entrambi li conoscevo da tempo ed in passato mi avevano già cercato per entrar a far parte delle rispettive compagini. Entusiasmato dal progetto e dalla roadmap degli anni, ho preso questa decisione. 

Cosa e chi porti dietro nel tuo bagaglio passato? – Se dico: “Dairago C5” – cosa ti viene in mente? Oggi siete nella parte alta della classifica e non per benefici economici; nasce come un gruppo di amici, si trasforma in una società a conduzione familiare e solo quest’anno con l’arrivo di Messa si è ristrutturata. Quali consigli daresti ai tuoi dirigenti per migliorarvi ancora?

La società nei nostri confronti è sempre disponibile; lavora ogni giorno per migliorarSi ed ad oggi stiamo raggiugendo l’obbiettivo prefissato ad inizio anno: i PLAYOFF. Siamo un gruppo molto unito.

Cosa si prova ad essere il Capitano, subentrato a Novembre a Beretta Davide, uno dei pochi confermati dalla stagione 2018/2019 ed ancora impiegato.

Al momento del rilascio della fascia di Capitano da parte di Davide Beretta, non mi sarei mai aspettato di essere scelto. .
Ad oggi sono felicissimo di essere Capitano di questa squadra.

Avvio di stagione rocambolesco con l’esonero di Belli nonostante i risultati positivi – Quanto ha inciso sui risultati e sulla stagione? il roster è rimasto pressochè lo stesso: molte le uscite ed 1 solo ingresso.

Dopo l’esonero di Mr belli è subentrato Mr spadaccino che a mio avviso è un allenatore preparato sul calcio a 5.
Il suo step è stato quello di unire un gruppo. 
Poi è intervenuto con polso nelle sedute di allenamento e la squadra ha risposto immediatamente al segnale: se adesso ci troviamo nella zona play off è anche grazie a lui ed al suo operato. 

Campionato in chiusura. Obiettivo Playoff al momento centrato ma non ancora matematico. Quali partite vi daranno la certezza?

Mancano poche partite alla chiusura di campionato molto complicate dove tutte le compagini vogliono raggiungere l’obiettivo comune; certezze non c’è ne sono e tutte le partite vanno tutte giocate; tra le restanti della regular season, sono positivo alla gara contro L’Arona C5 perchè giochiamo sul nostro terreno di giuco, dove manteniamo l’imbattibilità. Cercheremo di arrivare al derby con l’obiettivo raggiunto un modo da goderci il derby, che è una partita a se, tra società che si rispettano. 

L’anno calcistico sta per terminare, se guardi indietro cosa ti aspettavi da questa stagione.

Nulla di più di quello che è stata. Sono contento. 

Il derby è una partita a se ma potrebbe decidere chi delle due sarà ai playoff. Nel girone di andata, un secco 5 a 1; quale sarà il risultato nel girone di ritorno?

Il derby, come anticipato, vorrei giocarlo a qualificazione raggiunta, altrimenti sarebbe una vera guerra; sicuramente una bella partita, dal clima caldo, dando per scontato, che l’Academy Legnano vorrà rifarsi della gara di andata. 

Quale può essere la vera arma in più di questa squadra?

Il gruppo come lo siamo stati fino ad oggi. 

Stagione 2019/2020 – Impossibile lasciare. poi da capitano – Suggerimenti per la società e quali giocatori vorrebbe al suo fianco.

La società ci sta già ampliamento lavorando è sono certo che, come per quest’anno si farà trovare pronta per la stagione successiva; spero rimangano tutti i gli atleti di questa stagione perché oltre ad essere giocatori esperti e validi, sono grandissime persone con cui personalmente mi farebbe piacere proseguire l’avventura.