Tag: dairago c5

LA PREALPINA DEL LUNEDI’: Il Dairago si rinnova puntando sui giovani.

Il Dairago si rinnova puntando sui giovani.

“Cambio al vertice per il Dairago C5, Marco Meschini sponsor del Dairago C5 viene nominato vicepresidente. Massima collaborazione tra Raimondo e Meschini per il nuovo Dairago C5: progetto 2020. scuola calcio e settore giovanile scolastrico, 4 roster iscritti alla stagione sportiva 2015/2016, Futsal Academy. Sponsor ufficiali: Ziplo s.r.l (divisione Sport) e JGM, brand che organizza manifestazioni amatoriali per la Ziplo (società dei medesimi imprenditori)”

Il Dairago si rinnova puntando sui giovani.

Ciclone San Pietro: travolte le dairaghesi

Il ciclone San Pietro travolge come un fiume in piena le ragazze dairaghesi. In un campo più simile ad una picina, le maliziose ragazze mantovane rifilano un pesante fardello a coach colombo, beffato e allontanato dal campo dal direttore di gara. 

MA E’ CALCIO SAPONATO?!

ASD S. PIETRO BOZZOLO – ASD LECCO 8-0

Il dubbio è venuto a molti dei presenti all’incontro: ma stiamo giocando a futsal o a calcio saponato?! Nel primo caso sarebbe logico aspettarsi un campo con certe caratteristiche di superficie, un arbitro preparato sui regolamenti e il pubblico dovrebbe stare al di fuori delle linee del campo…nel secondo caso libero spazio a tutto, tutto è lecito, le regole vengono fatte su misura e guai a chi non è d’accordo!

Purtroppo la partita andata in scena domenica è del secondo tipo, senza nulla togliere alla squadra di Bozzolo in grado di contare su una rosa con cambi sempre di livello delle giocatrici in campo, ma questo non è il calcio a 5.

Nel primo tempo le ragazze dairaghesi partono un po’ contratte, più attente a curare la fase difensiva rispetto che attaccare le avversarie. D’altro canto le avversarie non trovano spazi di manovra e si limitano ad un possesso palla lontano dall’area con tiri dalla distanza. Ma le Dairagirls, a tratti spaventate dalla paura di scoprirsi, non incidono e si limitano a controllare le avversarie. La partita resta così bloccata sino al quindicesimo del primo tempo, momento in cui la squadra di casa riesce a trovare il gol su calcio d’angolo a causa di un ritardo di marcatura. Le ragazze del Dairago subiscono il colpo e dopo soli 5 minuti si beccano il gol del 2-0 a causa di un altro pasticcio difensivo. Time out immediato dalla panchina che sprona le ragazze verso una fase offensiva quasi impalpabile. Qualcosina cambia, il pressing aumenta, le avversarie fanno meno possesso palla, ma le poche occasioni d’attacco sono fermate da falli non sanzionati con la giusta severità o da puntuali scivoloni che iniziano a essere sempre più frequenti verso il finale di frazione. Si arriva così al termine del primo tempo sul 2-0 avversario con i tifosi che approfittano della pausa di gioco per camminare con intelligentissime scarpe bagnate lungo la linea laterale che delimita il campo dalle panchine degli spettatori. Risultato?! Un bellissimo secondo tempo di calcio saponato, con molteplici cadute e infortuni e un arbitro in versione “bagnino della piscina” non più in grado di discriminare la volontarietà degli interventi dalla difficoltà di stare in equilibrio! Uno spettacolo pessimo e pericoloso al tempo stesso mai visto neanche nei peggiori campi di futsal!

Nel secondo tempo dopo cinque minuti di gioco le mantovane si portano sul 3-0 approfittando di un contropiede nato da uno dei tanti scivoloni delle dairaghesi. Passa poco tempo e l’uscita di Ottobelli è frenata, o meglio, è accellarata dal terreno bagnato che le causa un trauma distorsivo del ginocchio. L’arbitro vede la giocatrice agonizzante a terra, ma non pensa minimamente di fermare il gioco dicendo di essere caduta da sola. Solo l’invasione di campo dell’assistente medico fa capire al direttore di gara che il fischietto a qualcosa serve. Esce così Ottobelli infortunata e subentra Marchetto a partire dal settimo minuto del secondo tempo. Il portiere appena entrato fa in tempo a sventare due occasioni da rete ma sulle respinte sono abili le avversarie a ribadire in rete portando il risultato sul 5-0. Le Dairagirls ci provano con Pennisi e Giosuele ma i continui capitomboli in fase d’impostazione demotivano le giocatrici più preoccupate a restare in piedi che a cercare la profondità. Le avversarie sono abili, aspettano le cadute dairaghesi e poi si infilano come squali negli spazi propiziandosi delle fortunose superiorità numeriche.  A dieci minuti dal termine il Dairago prova con il portiere di movimento e riesce a limitare le incursioni mantovane senza però trovare la gioia del gol. Arriva purtroppo il fischio arbitrale di un direttore di gara imbarazzante a punire ancora una volta le Dairagirls: Giosuele tenta di fermare con un fallo tattico la ripartenza avversaria, scivola sul piede d’appoggio a causa del terreno e cade insieme all’avversaria stessa…incredibile ma vero, l’arbitro estrae il cartellino rosso! Mister Colombo tenta di spiegare all’arbitro l’accaduto e si guadagna poco dopo gli spogliatoi anzitempo. Le ragazze dairaghesi continuano a giocare per segnare ma, preoccupandosi di meno della fase difensiva, incassano altri 3 gol che portano il risultato sul 8-0 sul finire della partita.

Tanto di cappello alle avversarie per la dimostrazione di forza e esperienza in campo…ma la prossima volta sarebbe meglio sapere prima se le scarpe più adatte sono quelle da indoor o le pinne! In quest’ultimo caso sarebbe più facile fornire all’arbitro non il regolamento del calcio a 5…ma il regolamento degli impianti balneari! Hops! Ma non è che è stato applicato proprio quello?!

Gilberto Colombo

Dairago C5: Il punto della settimana

SERIE C2 – Raimondo presenta la sfida in casa contro l’ACSI Aurora

Settimana di lavoro intenso per il Dairago C5 che dopo la sofferta vittoria, ma meritata, di Milano si è soffermato su quegli aspetti che non hanno consentito alla squadra di condurre in porto con maggiore facilità l’affermazione contro i ragazzi di Mr Parenti.
Sapevamo che a Milano sarebbe stata dura – ammette capitan Carlomagno – e cosi poi si è verificato. Di fronte abbiamo trovato una squadra vogliosa di fare punti ed uscire dalle zone pericolose della classifica. Il campo poi di certo non avvantaggiava noi, ma nonostante tutto siamo riusciti a portare a casa la quinta vittoria consecutiva”.
Vittoria si, ma con tanti aspetti da valutare per migliorare.
Domani sera, a Dairago, via Rossetti Martorelli dalle 21.45, i dairaghesi ospitano l’armata ACSI Aurora, reduce da una sofferta vittoria sul proprio terreno di giuoco sul Vanzago, nella scorsa giornata di campionato.
Mr Raimondo, sostituto del Codoro assente, torna in panchina con la prima squadra.
Squalificato dell’Aera Andrea.
Recuperati in extremis Tripoli e Carlomagno da infortunio.
Assenti Catania, Boni, Lupori e Cozzi (in Olanda a fumo e figa con mr Codoro per festeggiare l’addio al celibato di Catania).
Convocati per l’occasione 3 Juniores: Sora Davide, Mazza Simone e Sassi Alessio.

Concludo con una battuta del tecnico Raimondo: “Mi rendo conto – ammette il tecnico – che stiamo bene mentalmente e fisicamente. I ragazzi lavorano molto duramente ma, gli avversari di domani, sono una squadra da categoria superiore e verranno a Dairago per fare i punti a discapito della capolista. Questo è un requisito importante per noi: scenderemo in campo molto concentrati… a Dairago si respira un’aria diversa: sia in prima squadra che, nella mia juniores, tutti si sentono protagonisti e ia dirigenza sta dimostrando di gestire bene questi equilibri.

JUNIORES – Continuare nella scia positiva, ma attenti al “Real San Biagio”

Sapevamo della bontà del gruppo, ma con il passare della settimane le nostre sensazioni stanno trovando conferme sul campo. Gli atleti alla prima esperienza hanno voglia di imparare e crescere. Sassi Alessio, classe 1998, portiere, riceve con domani la 3 convocazione in prima squadra. Stessa sorte/fortuna per Sora e Mazza.

Con la terza vittoria (seconda consecutiva) messa in archivio ed un primato tuttavia positivo, i “giovani” dairaghesi hanno lavorato con maggiore intensità in vista del match, da non sottovalutare, di sabato in casa del real San Biagio a Verano Brianza. ” Abbiamo lavorato tanto e con grande attenzione, questa settimana – afferma capitan Sora – preparando al meglio l’aspetto atletico. Questa sera smarcheremo gli aspetti tattici. Abbiamo voglia di far bene. La vittoria sul Real Cornaredo, è stata importante. Abbiamo i mezzi per tentare la risalita, mister e dirigenza che ci dedicano tanto tempo.

In vista del match di sabato al palazzetto di Verano Brianza, ore 17.30, l’unico assente sarà Cherobin Matteo, ancora appiedato per la lieve distorsione al ginocchio destro.

Vi aspettiamo per questa importante trasferta.
Ora e Per Sempre Dairago C5

FEMMINILE – Riscattiamoci con il San Pietro. 
In programma la quarta giornata del futsal femminile.
Importante trasferta per le ragazze dairaghesi di coach Colombo, sul campo del San Pietro, reduce da una importante vittoria a Turate: finale a favore per 25 reti ad 1.
Esordio con sconfitta per le dairaghesi in casa contro l’Armata Lecco C5: “Nonostante la sconfitta – commenta Volontieri Stefano, vice Colombo – abbiamo detto la nostra. E’ stata la nostra prima partita in ambito FIGC: un livello di gioco diverso dalle competizioni a cui eravamo abituati. Non ci spaventa il San Pietro, faremo del nostro meglio per portare a casa i tre punti, conifdando nelle prestazioni della prima squadra e juniores. Una settimana da 9 punti sarebbe perfetta per iniziare bene l’avvento!”

 

Designizioni Arbitrali serie C2: girone A – giornata 10 – gare del 27/11/2014

serie c2

Laveno e Carioca servon il riscatto; Kennedy sale in vetta; Dairago ammazzagrandi, Cardano torna secondo; Addio ai playoff per il real cornaredo; settore giovanile

240314

Derby legnanese: Le pagelle

Bassi: Preciso e puntuale in ogni intervento svolto. Dimostra un ottimo momento di forma e una lucidità fenomenale.

Carlomagno: Gioca tanto, corre tantissimo. Puntuale come sempre difensivamente. Rifiata 3 minuti ed amministra la difesa contro i 5 giocatori di movimento avversari.

Tomatis: Gioca dignitosamente; aperture e cambi di gioco sempre ben fatti. Ottimo difensivamente, legge bene le situazioni pericolose.

Parrella: Compito difficile nel primo parziale e non è la sua prestazione migliore! L’uomo per eccellenza da derbym  nella ripresa è da 8, il numero che porta sulla maglia. Assist , anticipi e gol. Fera gli rende la vita difficile, lui alla fine la spunta da campione.

Costantini:  Corre, lotta, si sacrifica ma a spese della gioia personale. Mancano i suoi gol: raccoglie palloni per far salire la squadra. Dà una scossa alla reazione dairaghese.

Boni: Ennesima prova di maturità: il mister lo tiene in piedi dal 23esimo a 32 esimo. 9 minuti interminabili senza poter contribuire da calciatore all’ottima prova dairaghese

Ortellado: Ci prova in tutti i modi, facendo anche saltare il posizionamento dei compagni. Importante come sempre. Semina il panico per il campo e solo l’ottimo Pasqualicchio gli nega il gol.

Zappia: Decisivo sia difensivamente che offensivamente. Partita straripante, qualche difetto c’è però cala l’ennesima tripla e tira le redini della salvezza.

Codoro: Nella ripresa lui ed i suoi compagni impeccabili, merito della proverbiale sfuriata nello spogliatoio tra un tempo e l’altro.

Tripoli: Non impiegato; supporta e festeggia i compagni.

Mura: si è dimostrato una pedina fondamentale: alla sua prima da titolare non sbaglia: il cavallo pazzo di dairago attacce e difende. Protagonista nella seconda parte della gara: due gol pesantissimi!