Tag: dairagotime

Calcio a 5, C1: botta e risposta in vetta tra Bergamo e San Damiano

Gazzetta dello sport

Cadono Sangalli, Pavia e Videoton.

Nella terz’ultima giornata botta e risposta nella lotta al vertice tra le battistrada Bergamo La Torre e San Damiano, mentre il terzo incomodo Sangalli cade nell’anticipo a Laveno. La capolista Bergamo La Torre regola 4-1 il Trezzano, con doppia marcatura di Kela e sigilli di Bertino e Assi. Il San Damiano resta a meno tre dalla vetta, rimontando l’1-3 dell’intervallo sul campo della Renatese con il poker servito da Licini (doppietta), Pisante e Passi. Cadono le altre big Sangalli, Videoton e Pavia. Dopo tre successi di fila, il Sangalli soccombe 5-4 sul campo del Laveno Mombello, sospinto dalle doppiette di Degennaro e Saresini e la segnatura di Burraschini. Per i bergamaschi inutili il tris di Carminati e l’acuto di Rocha.

S’interrompe a tre successi anche la striscia vittoriosa del Videoton, trafitto a sorpresa 4-3 in casa dal Basiano a segno con Galleani, Lucini, Mastrolembo e Morisco. Continua il momento no del decimato Pavia, che inciampa 7-4 al Pala Treves contro il San Biagio, che riapre i giochi per i playoff. Per i monzesi decisive le triplette di Maggioni e Costantino, più il centro di Cosmo. Per il Pavia timbri di D’Aria (doppietta), Casneda e Milito. Bocconi e Aurora impattano 6-6 la stracittadina milanese, decisa per gli universitari dall’ambo di Linzitto e Manza, Di Martino e Corti con replica di Cela (3), Bruni (2) e Pierro. Nell’altro anticipo il New Five San Donato passa 7-5 sul campo dell’Elle Esse Istituti Vinci Gallarate, in virtù delle doppiette di Frate, Agosto e Perazza e l’acuto di Iudici, che vanificano i double gallaratesi di Engheben e Fadda e il timbro di Neto.
Il Carioca riaccende le speranze di salvezza, esondando 9-2 sul campo dei Boys Bellinzago, trascinato dalla cinquina di Manciavillano, più i sigilli di Agresti, Luminoso, Fasano e Palmieri. Classifica marcatori 59 reti: Frate (New Five); Licini (San Damiano) 48 reti: Mateus Rocha (Sangalli) 34 reti: Manciavillano (Carioca) 33 reti: Costantino (San Biagio) 32 reti: Pierro (Aurora) 30 reti: Beretta (Bocconi) 27 reti: Luminoso (12 Laveno, 15 Carioca) 26 reti: Carminati (Sangalli) 25 reti: Fadda (Elle Esse); Casneda (Pavia); Mosca (Renatese) 24 reti: Galleani (Basiano)

Derby legnanese: La gara al fotofinish

Aurora Cantalupo – Dairago C5

Roster squadra di casa: Pasqualicchio, Longo, Massari, Cavaliere, Scalzi (C), Denci, Fera, Pinna, Zamberlan, Camarchio, Caprera, Croci

Roster Ospiti: Bassi, Carlomagno, Tomatis, Parrella, Costantini, Boni, Ortellado, Zappia, Codoro (C), Tripoli

Primo Parziale

00.00 – Quintetto Aurora – (A); Pasqualicchio, Cavalieri, Denci, Camarchio, Fera
00.00 – Quintetto Dairago – (D): Bassi, Carlomagno, Parrella, Mura, Zappia
02:10 – Traversa di Zappia (D)
07.00 – Doppio intervento di Pasqualicchio (A) su Carlomagno (D)
10.00 – Imbucata di Carlomagno (D) per Zappia (D), a lato di poco
11.00 – Imbucata di Ortellado (D) per Zappia, non ci arriva
12.30 – Cavaliere (A) per Fera (A) largo a sx lato panchine, contro movimento, palla sul destro GOL
1-0
15.00 – Ci prova anche Ortellado (D), ma Pasqualicchio salva sulla riga
19.00 – Punizione per l’aurora. Camarchio alla battuta. Errore di posizionamento di Bassi GOL
2-0
21.00 – Il Dairago ci riprova con Codoro (D) in sostituzione di Zappia. Palla di poco a lato
25.30 – Tiro dai 12MT: Zamberlan (A) non sbaglia. Capolavoro: GOL
3-0
29.00 – Tiro dai 12MT: Sulla palla Fera. Anche lui non sbaglia. Altra super chicca: GOL
4-0

Secondo Parziale

10.05 – Imbucata di Ortellado (D) per Zappia (D). Il pivot dairaghese non vede il compagno Mura (D) sul secondo palo e manda a lato
11.43 – Costantini (D) da poco subentrato sfiora il gol. Ha una marcia in più.
13.30 – E’ ancora Zappia (D) ad avere la palla del possibile gol: palla a lato di poco
15.40 – Il Dairago cresce ed uno splendido scambio sull’asse Zappia-Mura si spegne appena sopra alla traversa.
16.25 – Il caparbio Zappia (D) semina il panico nella difesa del Cantalupo; dopo l’ennesimo tentativo infila il numero uno del Cerro: GOL
4-1
19.50 – Mura (D) recupera una respinta del centrale difensivo del cerro ed infila sul primo palo, da fuori area pasqualicchio: GOL
4-2
21.00 – Il Dairago ci crede e con Codoro sfiora un’altra signatura
25.30 – Parrella (D) riduce lo svantaggio: GOL
4-3
27.30 – Imbucata di Tomatis per Zappia che non sbaglia: GOL
4-4
28.00 – Mr Civati risponde con il portiere di movimento. Il dairago si chiude dietro la linea del pallone
29.00 – Fallo di mano dell’Aurora; dovrebbe essere espulsione e tiro libero per il Dairago, ma il direttore di gara sceglie palla contesa e regala il pallone all’aurora.
30.00 – Sanzionati due minuti di recupero.
31.30 – Mura (D) anticipa il passaggio di Pasqualicchio su Camarchio e da sotto il centro campo infila la porta sguarnita del cerro: GOL
4-5
32.00 – La partita è finita: pressing di Zappia (D) sul portiere di movimento, dribling secco e palla in fondo al sacco da circa metà campo: GOL
4-6

Triplice fischio finale.

Allontantato Camarchio (Cartellino Rosso) per protese.

Derby legnanese: Il leone ed il lupo.

…Un lupo aveva rubato una pecora dal gregge e la trascinava nel suo covo, quando un leone, gli si fece incontro e gliela portò via. Tenendosi a una certa distanza, il lupo gli gridò: <<Bell’ingiustizia! mi porti via quello che è mio!>> E il leone, ridendo: << Già! perché tu l’avevi avuta secondo giustizia, da un amico…>>

Scendiamo a Cerro con lo sfavore dei pronostici, ma consapevole di essere la squadra del momento; prepariamo la partita decidendo di regalare un tempo ai nostri avversari, conoscendo i loro limiti nella gestione di una partita già sulla carta finita. Nel secondo tempo scendono in campo i Leoni e fanno di un sol boccone i lupi. Demolita su tutti i fronti la tattica attendista di mr Civati. A nulla servono gli innesti di Denci e Fera nel finale e quando esce il leone, dalla gabbia, come ogni anno a Cerro Maggiore, il povero lupo non può far altro che mettersi la coda tra le gambe e rendere l’onore della Vittoria.

La morale della favola di Esopo la conosciamo benissimo: quante volte i nostri genitori ce l’hanno raccontata per insegnarci a star lontano da ladri e prepotenti.

Questo articolo non nasconde messaggi subliminali ipocriti.

Nella serata di ieri, a Cerro Maggiore si è svolto uno degli anticipi dell’undicesima giornata di ritorno del girone A, della serie C2 lombarda. In campo non c’erano nè ladri nè prepotenti; semplicemente due società amiche, che praticano futsal, amministrate da persone che mettono tanta passione e che da qualche anno danno vita ad un bel derby. Una Serie C2 tutta d’un fiato come la descrive la dirigenza dairaghese: due squadre già pronte per la C1 quali Kickoff e Cardano; macina punti quali Aurora Cantalupo, San Carlo, Fortezza e Varese; intermittenti come l’ottimo Cometa, il Vittuone ed i giovani dell’Olmi; determinati quali Seprio, Ticinia, Dairago, Giardino Danzante e Vedanese.