Tag: derby legnanese

Derby legnanese: La gara al fotofinish

Aurora Cantalupo – Dairago C5

Roster squadra di casa: Pasqualicchio, Longo, Massari, Cavaliere, Scalzi (C), Denci, Fera, Pinna, Zamberlan, Camarchio, Caprera, Croci

Roster Ospiti: Bassi, Carlomagno, Tomatis, Parrella, Costantini, Boni, Ortellado, Zappia, Codoro (C), Tripoli

Primo Parziale

00.00 – Quintetto Aurora – (A); Pasqualicchio, Cavalieri, Denci, Camarchio, Fera
00.00 – Quintetto Dairago – (D): Bassi, Carlomagno, Parrella, Mura, Zappia
02:10 – Traversa di Zappia (D)
07.00 – Doppio intervento di Pasqualicchio (A) su Carlomagno (D)
10.00 – Imbucata di Carlomagno (D) per Zappia (D), a lato di poco
11.00 – Imbucata di Ortellado (D) per Zappia, non ci arriva
12.30 – Cavaliere (A) per Fera (A) largo a sx lato panchine, contro movimento, palla sul destro GOL
1-0
15.00 – Ci prova anche Ortellado (D), ma Pasqualicchio salva sulla riga
19.00 – Punizione per l’aurora. Camarchio alla battuta. Errore di posizionamento di Bassi GOL
2-0
21.00 – Il Dairago ci riprova con Codoro (D) in sostituzione di Zappia. Palla di poco a lato
25.30 – Tiro dai 12MT: Zamberlan (A) non sbaglia. Capolavoro: GOL
3-0
29.00 – Tiro dai 12MT: Sulla palla Fera. Anche lui non sbaglia. Altra super chicca: GOL
4-0

Secondo Parziale

10.05 – Imbucata di Ortellado (D) per Zappia (D). Il pivot dairaghese non vede il compagno Mura (D) sul secondo palo e manda a lato
11.43 – Costantini (D) da poco subentrato sfiora il gol. Ha una marcia in più.
13.30 – E’ ancora Zappia (D) ad avere la palla del possibile gol: palla a lato di poco
15.40 – Il Dairago cresce ed uno splendido scambio sull’asse Zappia-Mura si spegne appena sopra alla traversa.
16.25 – Il caparbio Zappia (D) semina il panico nella difesa del Cantalupo; dopo l’ennesimo tentativo infila il numero uno del Cerro: GOL
4-1
19.50 – Mura (D) recupera una respinta del centrale difensivo del cerro ed infila sul primo palo, da fuori area pasqualicchio: GOL
4-2
21.00 – Il Dairago ci crede e con Codoro sfiora un’altra signatura
25.30 – Parrella (D) riduce lo svantaggio: GOL
4-3
27.30 – Imbucata di Tomatis per Zappia che non sbaglia: GOL
4-4
28.00 – Mr Civati risponde con il portiere di movimento. Il dairago si chiude dietro la linea del pallone
29.00 – Fallo di mano dell’Aurora; dovrebbe essere espulsione e tiro libero per il Dairago, ma il direttore di gara sceglie palla contesa e regala il pallone all’aurora.
30.00 – Sanzionati due minuti di recupero.
31.30 – Mura (D) anticipa il passaggio di Pasqualicchio su Camarchio e da sotto il centro campo infila la porta sguarnita del cerro: GOL
4-5
32.00 – La partita è finita: pressing di Zappia (D) sul portiere di movimento, dribling secco e palla in fondo al sacco da circa metà campo: GOL
4-6

Triplice fischio finale.

Allontantato Camarchio (Cartellino Rosso) per protese.

Derby legnanese: Il leone ed il lupo.

…Un lupo aveva rubato una pecora dal gregge e la trascinava nel suo covo, quando un leone, gli si fece incontro e gliela portò via. Tenendosi a una certa distanza, il lupo gli gridò: <<Bell’ingiustizia! mi porti via quello che è mio!>> E il leone, ridendo: << Già! perché tu l’avevi avuta secondo giustizia, da un amico…>>

Scendiamo a Cerro con lo sfavore dei pronostici, ma consapevole di essere la squadra del momento; prepariamo la partita decidendo di regalare un tempo ai nostri avversari, conoscendo i loro limiti nella gestione di una partita già sulla carta finita. Nel secondo tempo scendono in campo i Leoni e fanno di un sol boccone i lupi. Demolita su tutti i fronti la tattica attendista di mr Civati. A nulla servono gli innesti di Denci e Fera nel finale e quando esce il leone, dalla gabbia, come ogni anno a Cerro Maggiore, il povero lupo non può far altro che mettersi la coda tra le gambe e rendere l’onore della Vittoria.

La morale della favola di Esopo la conosciamo benissimo: quante volte i nostri genitori ce l’hanno raccontata per insegnarci a star lontano da ladri e prepotenti.

Questo articolo non nasconde messaggi subliminali ipocriti.

Nella serata di ieri, a Cerro Maggiore si è svolto uno degli anticipi dell’undicesima giornata di ritorno del girone A, della serie C2 lombarda. In campo non c’erano nè ladri nè prepotenti; semplicemente due società amiche, che praticano futsal, amministrate da persone che mettono tanta passione e che da qualche anno danno vita ad un bel derby. Una Serie C2 tutta d’un fiato come la descrive la dirigenza dairaghese: due squadre già pronte per la C1 quali Kickoff e Cardano; macina punti quali Aurora Cantalupo, San Carlo, Fortezza e Varese; intermittenti come l’ottimo Cometa, il Vittuone ed i giovani dell’Olmi; determinati quali Seprio, Ticinia, Dairago, Giardino Danzante e Vedanese.

Derby Legnanese al DairagoC5: Raimondo Gianmario ai microfoni del DairagoTime

Traferta difficilisimma quella di Cerro Maggiore: nel pre gara Mr Civati è sorridente grazie anche al vantaggio della sua seconda squadra del cuore: la Rubentus. Scherza con Mr Raimondo, che a differenza del collega, sperava nel gol dei viola.

Gli atleti dairaghesi sono tranquillissimi: ridono, scherzano, si deridono, si cambiano ed entrano in campo per il riscaldamento.

Affettuosi abbracci tra gli amici: Raimondo, Messa e Civati.

Raimondo è pensieroso… Come giochiamo?  
Scelta difficile, inderogabile. 2:1:1 come provato la sera prima o classico 3:1.
I punti fermi sono l’uomo in marcatura fissa su Fera (avversario pupillo di Raimondo) e raddoppio quando in possesso del pallone. Pressing cieco e raddoppio quando Cavaliere è in possesso palla.


Termina il momento del riscaldamento.

E’ il momento della carica; delle decisioni: Parrella su Fera; Carlomagno a Supporto; Mura e Zappia sul fronte anteriore.
Fischio d’inizio.

Derby Doveva essere. Derby è stato!

Ho rischiato l’infarto sul vantaggio di Mura! Ha segnato, l’ho puntato, l’ho rincorso e l’ho abbracciato. Cazzo che gioia.
Al termine del primo parziale pensavo ad un’imbarcata devastante. Quattro a zero seppur immeritato.
L’Aurora Cantalupo fà paura. Fera fà paura. Il collega Civati si aspettava che lo andassi a prendere… Non sono caduto nella trappola: quello era il suo gioco non il MIO.
Abbiamo aspettato e nel secondo parziale abbiamo calato un secco sei a zero.

Quali momenti ricorda della gara?

  • Una doppia parata di Bassi, l’ingresso di Costantini ed il gol di Parrella suonano la carica.
  • L’abbraccio sul gol del sorpasso di Mura.
  • Ad inizio gara, prima dell’ingresso in campo, l’abbraccio di Fera. E’ l’unico che mi ha chiesto delle mie principesse a cui dedico questa importantissima vittoria.
  • Le parole del Capitano nell’intervallo: “sono più forti. Se perdiamo è giusto ma non facciamoci dare una pettinata”
  • Armando in panchina che al 4 minuto del secondo tempo, legge impietrito la schedina dello snai e mi dice “ho perso di nuovo
  • Boni che mi ferma e mi tranquillizza in pieno recupero quando il direttore di gara non sanziona l’espulsione ed il tiro libero a nostro favore.
  • L’abbraccio con salto su Bassi a Fine gara.
  • Ortellado che ride in panchina.
  • Le espressioni compiaciute dei dirigenti Codoro e Rolfi.
  • Bucci Alessandro che mi dice:”Te lo avevo detto, fidati di quello che ti dico!
  • Lo sguardo di Lideo e dei nostri FANS.
  • Dell’Aera che entra nello spogliatoio e compiaciuto esclama: “Jimmy prepara il bancomat i ragazzi hanno fame”.
  • L’abbraccio della mamma di un mio giocatore.
  • Questa notte in cui difficilmente dormirò.

 

Mura, Zappia, Costantini trascinano il Dairago di questa sera. E’ daccordo?

Assolutamente si! Ma la vittoria è della squadra. MI hanno fatto un regalo bellissimo. Altri tre punti che ci fanno arrivare ai plaout con la giusta determinazione. Prossima settimana il Kickoff. 2 sgambetti alle prime… gli abbiamo fatto un bel regalo, nè sono certo. Ma il kickoff non vincerà grazie a noi ma allo splendido campionato che ha fatto.
Che nessuno si offenda ma il kickoff è primo perchè ha Davide tra i pali, Dino, Ahmed, Pirritano… ed un roster che fà paura!

E gli avversari di questa sera?

Non pensavo.
Sul quattro a zero ho intravisto la fine dei giochi.
Mi dispiaceva solo uscire con un secco dieci a zero, non sarebbe stato meritato.
L’aurora ha Fera davanti, un gran bel giocatore. Venisse al Dairago… quante volte gli e l’ho chiesto…
Occhio di riguardo anche per Denci ed a Cavaliere.
Il primo l’ho visto abbastanza scarico: tra i suoi punti forti c’è il dribbling, ma ieri sera non era in vena, per fortuna.
Il secondo ha fatto un campionato da paura; è normali che a fine stagione sia un po’ scarico. E’ un giocatore d’esperienza e penso, in molto lo vorremmo avere nel roster a disposizione.
Mi riservo su Massi… altro amico. Ha fatto una cazzata a gara finita. Gli daranno come minimo due giornate, è stato ingenuo. Perlopiù considerando la direzione di gara a senso unico nel primo tempo.

Una battuta sul direttore di gara…

Non era facile gestire questa partita: Apprezzo l’impegno e l’ottimo dialogo che ha mantenuto con tutti. Dirigenti e non. E’ riuscito ad esser amico facendo rispettare le regole. Non è entrato nello spogliatoio professando il bla bla bla, ma umilmente, si è presentato ed ha svolto il compitino .
La direzione è comunque insufficiente; ma nella pagella finale è promosso.

Hai qualcosa da dire a Civati e compagine?

Sono orgoglioso per loro. Hanno vinto i playoff di serie D e si sono imposti in questo campionato.
Si stanno giocando l’accesso alla serie C1. C’è qualcosa da aggiungere?
Sono stati bravi a trovare uno sponsor di maggioranza, che ha assunto un ruolo determinanete nell’organigramma societario. Bravi in tutto.
Statisticamente parlando siamo pari: l’anno scorso abbiamo vinto entrambe le gare in campionato ma abbiamo perso entrambe le gare ai playoff. Quest’anno una gara a testa. E’ un derby o no?